Ultime Notizie | Yoga Time Livorno

Ultime Notizie | Yoga Time Livorno

Continuare a praticare on line oppure tornare in presenza in una scuola di yoga

Continuare a praticare on line oppure tornare in presenza in una scuola di yoga. I come e i perché

Praticare yoga on line, senza recarsi in una scuola di yoga, è stata finora una preziosa opportunità che ha permesso a tutti noi, allievi e insegnanti, di poterci sostenere vicendevolmente durante un periodo di distanziamento molto difficile. Nella comodità delle nostre case ci ha garantito un margine importante di sicurezza e di tranquillità.

Ma nella vita, fortunatamente le circostanze si modificano, anche quelle più difficili e dolorose. Anche la situazione attuale, seppur con le dovute precauzioni, ci consente di riprendere in mano la nostra vita, dando voce nuovamente ai nostri desideri.

La chiusura in se stessi causata dal Covid

È ormai pensiero diffuso da molti psicologi e studiosi della mente che il lungo periodo di chiusura legato al lockdown e alla paura di una eventuale recrudescenza del contagio abbia generato in molte persone l’attitudine ad un consolidato istinto alla chiusura in se stesse o comunque nell’ambito ristretto del proprio nucleo familiare.

Una tendenza questa che può avere giustamente un suo perché nelle situazioni di emergenza e di necessità, ma che dovrebbe anche esaurirsi progressivamente con l’esaurirsi delle situazioni di allerta.

Al di là di questa considerazione la situazione attuale andrebbe considerata ed esplorata in seno ad un fenomeno ben più ampio e che sta ormai interessando da qualche tempo la nostra società: la trasformazione della modalità di comunicazione.

La chiusura relazionale

Purtroppo l’esplosione dei social ha incrementato e sta ancora peggiorando questa tendenza alla chiusura relazionale: le persone ormai si relazionano molto più attraverso questi canali, piuttosto che di persona. La comunicazione e lo scambio assumono il più delle volte un carattere polemico e comunque poco empatico e solidale.

Anche i messaggi WhatsApp stanno soppiantando sempre più lo scambio magari telefonico. Ci fanno dimenticare che anche il tono della voce ha la sua importanza per una qualità relazionale fatta di ascolto e partecipazione.

Osserviamoci: non ci si sfiora più. La spontaneità del sorriso nell’incontro ha lasciato il posto alla ritrosia, e ad una distanza che tende a diventare non più solo fisica ma anche pericolosamente emozionale.

Perché dovremmo tornare a praticare in una scuola di yoga

Senza voler demonizzare tout court la tecnologia e i suoi strumenti che si sono rivelati straordinari in certe situazioni, come il poter praticare yoga da casa.

Il pericolo è quello di soprassedere a questo “status quo” considerandolo come una normalità per la nostra vita, perché più comodo e sicuro magari alimentato un pò anche dalla nostra pigrizia.

Noi siamo animali sociali e uno dei fondamenti per il nostro benessere è quello di relazionarsi con l’altro e farlo nel modo più vero e spontaneo e diretto possibile

Tornare a praticare in una scuola di yoga, ora che possiamo finalmente farlo, non è solo utile a praticare in modo corretto seguendo dal vivo i suggerimenti dell’insegnante, ma è soprattutto un allenamento per riappropriarci della socialità e dello scambio interrotti per così tanto tempo.

Lo yoga mette l’accento sull’importanza della relazione, dell’apertura di cuore, sulla generosità, la compassione. Si tratta di sentimenti che appagano chi li prova, migliorano la vita a chi li riceve e rendono l’esistenza preziosa e degna di essere vissuta.

Viviamo in un mondo essenzialmente fatto di parole e con il linguaggio tendiamo spesso a dare spiegazione ad ogni cosa che ci accade persino alle nostre emozioni. Lo yoga ci invita invece ad aprirci all’oceano di sensibilità e di sensazioni che è già dentro di noi e praticare yoga da casa non potrà mai sopperire completamente a tutto questo.

Tornare gradualmente alla normalità

Questo non vuole essere un invito alla non prudenza, ma anzi al ricercare sempre un punto di equilibrio fra la paura, la necessaria attenzione e la libertà. La pratica di yoga ci aiuta a mantenere questa attenzione costante ed equilibrata in tutte le fasi della vita.

Una cosa utile, potrebbe essere quella di alternare le pratiche on line con quelle in una scuola di yoga in modo da rendere soft l’impatto del rientro per il prossimo settembre

Naturalmente la prima cosa da fare è trovare una scuola di yoga che garantisca la pratica in presenza in assoluta sicurezza e serenità. Spazi ampi, sanificati e ventilati, presenze rigorosamente contingentate e tutto quanto occorra allo scopo di una frequentazione in piena serenità. Oppure, le pratiche outdoor che possono comunque garantire la necessaria socialità.

Giornata internazionale dello Yoga 2021

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLO YOGA

Lunedì 21 GIUGNO (ore 19.00-20.00)

In occasione della Giornata internazionale dello Yoga il nostro Centro propone una pratica condivisa con Elisabetta e Valentina.

Uno spazio per relazionarsi in modo semplice e gioioso in nome dello yoga .

Una pratica in leggerezza e rispettosa delle regole legate alle norme di sicurezza e protezione.

La pratica del saluto al sole sarà solo un passaggio della nostra celebrazione in modo da consentire una partecipazione agevole e aperta e permettere così a tutti di poterne trarre il miglior beneficio possibile.

Il nostro intento è quello di condividere insieme a tutti voi la nostra passione per lo yoga attraverso con la semplicità della condivisione, dell’apertura del cuore e infine per la felicità di ritrovarci insieme.

La pratica verrà svolta sia in presenza che in modalità on line.

Per la pratica in presenza occorre la prenotazione.

Per info e prenotazioni: info@yogatime.it – 0586.951914 – 347.5767573

 

La celebrazione verrà svolta da Lorena anche nel giardino del Caffè letterario “Le Cicale Operose” – c.so Amedeo, 101

La prenotazione è obbligatoria.

Per info e prenotazioni: 347.3460133

Come orientarsi nello yoga. Imparare a sviluppare una buona Sadhana quotidiana

Come orientarsi nello yoga. Imparare a sviluppare una buona Sadhana quotidiana

Yoga sadhana sta ad indicare qualcosa in più della semplice pratica di Asana che viene svolta sul tappetino una o due volte la settimana in un centro di yoga.

Spesso si dà per scontato che basti praticare un corso per due volte la settimana per un certo periodo di tempo per raggiungere dei risultati concreti e non si riconosce, invece, la necessità di sviluppare una buona Sadhana quotidiana.

La nostra società, il nostro mondo così come oggi lo vediamo ha un gran bisogno di ritrovare il senso della spiritualità e una buona sadhana quotidiana, vista come l’insieme di tutte le pratiche, i rituali e delle austerità cui attingere con regolarità e concentrazione è la strada per ottenere moksha – la liberazione.

Sadhana: intento, continuità, finalità

Ogni giorno lo yoga ma anche le varie fasi della nostra vita richiedono una buona sadhana personale. Nell’ambito dello studio, del lavoro, della famiglia, qualsiasi obiettivo vogliamo raggiungere necessità di un allenamento, di un intento chiaro, costante e finalizzato al raggiungimento dello scopo prefisso.

Oggi si fa un gran parlare di yoga e si tessono intorno a questa parola spesso accessori allettanti quanto superflui per la crescita personale e per coloro che da semplici praticanti si prefiggono appunto di diventare dei sadhaka, ovvero degli aspiranti spirituali.

Sui social troviamo una quantità di video e di immagini raffiguranti le posizioni più complesse ed atletiche e l’importanza che viene data all’esercizio fisico prende spesso il sopravvento su tutto il resto.

Stare bene con il nostro corpo è molto importante, e allenarlo sapientemente restituisce una capacità di contatto e di intimità personale necessarie alla nostra esistenza. Anche nello yoga l’esercizio fisico può regalarci un senso di grande benessere se inserito all’interno di una buona sadhana che, in modo costante e progressivo lo renda trasformativo e di beneficio in modo più duraturo per il corpo, per la mente, per la vita.

Ad ogni personalità il suo tipo di yoga

Adotteremo il tipo di yoga o di pratica lasciandoci guidare dalla nostra sensibilità, dalle nostre naturali inclinazioni: potremmo aver bisogno di orientare il nostro impegno verso una pratica più meditativa oppure ritualistica, come potremo sentire la necessità di un lavoro in grado di rendere il corpo meno spigoloso e la mente più aperta, ma anche di adottare una alimentazione più idonea, e infine tutte queste cose insieme a sostegno della nostra crescita.

Durante un corso di yoga, in realtà prendiamo consapevolezza di chi siamo e acquisiamo i mezzi che servono per sviluppare quella conoscenza di sé che chiamiamo atman – anima – per poi far partire da lì anche le azioni e i comportamenti della nostra quotidianità.

Importante infatti è non dimenticare che lo yoga non è avulso dalla vita e quello che siamo e incontriamo sul nostro tappetino, con pregi e difetti, lo portiamo anche nel mondo così com’è. Sviluppare una buona sadhana personale offre la possibilità di incontrare le emozioni disturbanti di trasformarle e rendere così più felici noi stessi e le persone intorno a noi.

Una buona sadhana personale alla fine è un obiettivo da perseguire da chiunque, a prescindere dall’essere o meno praticanti o insegnanti di yoga. Un obiettivo che per essere efficace presuppone però impegno e dedizione.

Anche la preghiera, alla stregua della recitazione di un mantra, per una persona credente rappresenta una buona sadhana, un sostegno cui fare riferimento per la vita, ma solo se praticata con continuità e convinzione.

L’importanza della pace

Il risultato cui mirare per il nostro bene e per il bene degli altri attraverso la sadhana personale? Generare sentimenti di pace.

La pace non è qualcosa che accade ma va conquistata e durante la sadhana il lavoro sulle polarità è fondamentale: incontrare la nostra rabbia, la nostra paura il nostro scontento e indirizzare i nostri pensieri verso le polarità opposte è un allenamento intenso, sicuramente difficile ma importantissimo.

Un piccolo grande seme che possiamo piantare per la pace nostra e del mondo.

Quindi? Incontriamoci sul tappetino!

Porta nella tua vita il benessere dello yoga. Guida alle posizioni fondamentali per avere subito un approccio corretto.

Porta nella tua vita il benessere dello yoga. Guida alle posizioni fondamentali per avere subito un approccio corretto

La recente condizione pandemica appena attraversata e non ancora del tutto conclusa ci ha portato a considerare, e in molti casi anche in modo piuttosto imperativo, l’importanza di portare nella vita il benessere dello yoga per contrastare gli effetti fisici, ma anche e soprattutto emotivi legati ad un lungo periodo di chiusura e di disagio relazionale.

Inutile ricordare quanto per ogni individuo costituito di corpo, psiche e spirito, la salute rappresenti la logica conseguenza di un funzionamento armonico di queste tre componenti.

Non a caso anche in campo medico scientifico si inizia a rivolgere una sempre maggiore attenzione anche alla sfera emotiva della persona e alle  possibili conseguenze esercitate anche a livello biologico e funzionale dal peso delle  emozioni negative ed inespresse.

Come ritrovare l’equilibrio con le mosse di yoga

La malattia, secondo lo lo yoga, non è da imputare  soltanto al mal funzionamento di un  organo, bensì alla rottura di  equilibrio  che ha determinato l’origine di quel determinato disturbo.

A ben vedere lo yoga propone alla persona una guida alle posizioni fondamentali per avere subito un approccio corretto ma soprattutto per risvegliare nell’organismo la sua capacità implicita ad autorigenerarsi  e a ritrovare così l’equilibrio perduto.

Attraverso le mosse di yoga durante lo svolgimento della  pratica è possibile accorgersi della modalità di approccio spesso scorretta usata nel rivolgere l’attenzione al corpo. Modificandola ci  apriamo al grande dono di questa disciplina: portare nella vita il benessere dello yoga.

Un benessere che deve essere necessariamente a 360 gradi se vogliamo considerarci in equilibrio e in buona salute.

La strategia dello yoga

L’approccio corretto  consiste, alla fine, nella comprensione profonda che la strategia dello yoga va dal centro verso la periferia abbracciando interamente la struttura psicofisica della persona, nessuna esclusa.  Allo stesso modo le mosse di yoga, cosiddette posizioni fondamentali, così come lo yoga per la schiena non si preoccupano solo di risolvere un disturbo come appunto un mal di schiena ricorrente,  ma andranno a mettere in luce  le cause  spesso psico attitudinali che lo hanno provocato.

Un’indagine di  yoga posturale terrà conto sicuramente dell’assetto muscolo scheletrico della persona senza dimenticare però di osservare la persona nella sua totalità di insieme e di espressività, cercando di cogliere le cause che possono aver determinato certe disarmonie, come ad esempio situazioni di forte stress per poi  indirizzare la pratica nel modo più corretto ed efficace possibile.

La grande risorsa dello yoga infatti è insegnare a tenere in  considerazione anche l’aspetto psicosomatico di un disturbo espresso a livello fisico e magari non risolto dalle terapie più tradizionali, permettendo così di prendere distanza da una spesso eccessiva auto-medicalizzazione.